Un giorno per ricordare 27/01/2017

Un giorno per ricordare

27 Gennaio 1945, in questa data le truppe dell’Armata Rossa liberarono i prigionieri di Auschwitz, il più grande campo di

sterminio nazista. Il 20 luglio del 2000, la Presidenza del Consiglio dei ministri, ha istituito il “Giorno della memoria” , che ricorre appunto il 27 gennaio di ogni anno, perché la Repubblica Italiana vuole ricordare la Shoah, ovvero il genocidio di  circa 6 milioni di ebrei  durante la II Guerra Mondiale, con cerimonie e momenti di riflessione, soprattutto nelle scuole.

Ma in questo giorno è giusto ricordare anche le altre vittime delle persecuzioni naziste: Rom, comunisti, omosessuali, Testimoni di Geova, popolazioni slave, ben 14milioni di vittime.

Il 27 gennaio vogliamo ricordare tutti i genocidi del passato perché la storia dell’umanità è costellata di massacri come quello perpetrato nei confronti degli Armeni da parte dei Turchi nel 1915. Ecco perché è importante questa Giornata della Memoria, per ricordare a tutti noi che l’umanità non deve commettere gli stessi errori, mai più.

Voglio concludere con una frase di Primo Levi tratta da “Se questo è un uomo”.

<<Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre>>

Alunno: MARZO Aldo 3C 

Prof.ssa Silvana LA SPINA (2-3 C Faggiano)

 

Informazioni aggiuntive